Sei qui: Home Ambiente Aria Ordinanza comunale per il miglioramento della qualità dell'aria
Comune di Ponte nelle Alpi - (Provincia di Belluno)

Ordinanza comunale per il miglioramento della qualità dell'aria

PDF Stampa E-mail

boscoverde-75.jpgCon ordinanza n. 19 del 19 novembre 2020, sono state introdotte alcune misure per il miglioramento della qualità dell'aria, che rimarranno in vigore sull’intero territorio comunale fino al 31 marzo 2021

Di seguito i punti principali:

GAS DI SCARICO

DIVIETO:
• di mantenere acceso il motore degli autobus nella fase di stazionamento ed in caso di protrarsi del tempo di fermo;
• per tutti gli autoveicoli di sostare con il motore accesso;
• di mantenere acceso il motore per i veicoli merci, in particolare nelle zone abitate, anche durante le fasi di carico/scarico, salvo che ciò non si renda necessario per il funzionamento degli impianti di sollevamento integrati al mezzo;
• di mantenere acceso il motore degli autoveicoli in caso di arresto della circolazione della durata maggiore di un minuto, in corrispondenza degli impianti semaforici


TEMPERATURA NEGLI EDIFICI
La temperatura media in ambiente non potrà superare:
• 19°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici residenziali, uffici e attività comerciali
• 17°C (con tolleranza di + 2°C) negli edifici destinati ad attività industriali ed artigianali e assimilabili.
Sono fatte salve le deroghe previste per le case di cura e/o di riabilitazione, le case di riposo, gli
ambulatori medici, le scuole per l’infanzia e le scuole primarie, di primo e secondo grado, le abitazioni con
ammalati, utrasessantacinquenni e bambini fino all’età di cinque anni.

STUFE A LEGNA
• divieto di utilizzo di generatori di calore domestici alimentati a biomassa legnosa (legna, cippato, pellet, ecc…), d’ora in poi, “stufe a legna”, in presenza di impianto di riscaldamento alternativo, aventi prestazioni energetiche ed emissive CON CLASSIFICAZIONE INFERIORE A:
- 3 stelle in caso di presenza di livello “ Nessuna allerta ” – verde e livello di  Allerta 1 – arancio
- 4 stelle in caso di presenza di livello di Allerta 2 – rosso

LIQUAMI ZOOTECNICI
Divieto di spandimento dei liquami zootecnici (non palabili) nei periodi di adozione delle misure emergenziali relative al livello di Allerta 1 – arancio e Allerta 2 – rosso.

ABBRUCIAMENTI DI RAMAGLIE
Divieto di combustioni all'aperto delle biomasse (c.d. abbrucciamento delle ramaglie e altri residui vegetali), anche in ambito rurale, valido anche se in presenza di quantità giornaliere minime inferiori a tre metri steri per ettaro di materiali vegetali.
Dal divieto sono escluse le seguenti situazioni:
• nei casi soggetti ad obbligo di combustione per disposizione regionale con finalità antiparassitaria;
• per la distruzione di nidi di processionaria del pino che danneggia le piante conifere e le resinose in genere.
Il materiale proveniente dalle operazioni stagionali e derivante da normali pratiche agricole, potrà pertanto essere solamente reimpiegato come sostanze concimanti o ammendanti, ovvero dovrà essere conferito presso l'ecocentro comunale.
• Realizzazione di barbecue e fuochi esterni per la preparazione dei cibi, a carattere e per uso esclusivamente familiare all’interno di contesti e pertinenze strettamente private/domestiche, da realizzare in strutture ed attrezzature dedicate
• lo svolgimento di manifestazioni tradizionali di interesse della comunità locale, come “Brusa la vecia”, “San Nicolò”, “Pan e vin” e simili, purchè gli eventi vengano comunicati anticipatamente, all'ufficio di Polizia Locale almeno tre giorni prima della loro effettuazione, qualora non vigono particolari norme di divieto per la salvaguardia del rischio da incendi boschivi, e nel rispetto delle regole stabilite.

 

LEGGI QUI L'ORDINANZA COMPLETA