Sei qui: Home Demografico Anagrafe, A.I.R.E. e Certificazioni Guida all'Autocertificazione
Comune di Ponte nelle Alpi - (Provincia di Belluno)

Guida all'Autocertificazione

PDF Stampa E-mail

Cos'è l'Autocertificazione?

L’autocertificazione è una dichiarazione che l’interessato può presentare in sostituzione di un certificato rilasciato da una pubblica amministrazione (Comune, Istituto scolastico, Università, ecc.) e che ne assume a tutti gli effetti il valore e l’efficacia.

L’autocertificazione può avvenire utilizzando gli appositi moduli messi a disposizione dalle pubbliche amministrazioni o usando semplicemente un foglio di carta sul quale l’interessato, dopo aver scritto i propri dati identificativi (cognome e nome, luogo e data di nascita, residenza) dichiarerà uno o più dati che la legge prevede si possano autocertificare.

L’autocertificazione ha la stessa durata temporale del certificato che sostituisce.

Tutte le pubbliche amministrazioni devono accettare le dichiarazioni sostitutive (autocertificazioni) delle certificazioni per qualsiasi procedimento di loro competenza; il rifiuto da parte di un pubblico dipendente di accettare l’autocertificazione costituisce violazione dei doveri d’ufficio; nel caso di dubbi sulla veridicità della dichiarazione, sarà la stessa pubblica amministrazione a richiedere d’ufficio il certificato all’amministrazione che lo conserva in originale.

La firma sull’autocertificazione non va autenticata.

Quali documenti si possono autocertificare?

L’articolo 46 del Testo Unico sulla Documentazione Amministrativa fissa gli stati, i fatti e le qualità personali che si possono autocertificare, e precisamente:

Data e luogo di nascita – Residenza – Cittadinanza - Godimento dei diritti civili e politici - Stato di celibe, coniugato, vedovo o stato libero - Stato di famiglia - Esistenza in vita - Nascita del figlio, decesso del coniuge, dell’ascendente o discendente - Iscrizione in albi, registri o elenchi tenuti da pubbliche amministrazioni - Appartenenza ad ordini professionali - Titolo di studio , esami sostenuti - Qualifica professionale posseduta, titolo di specializzazione, di abilitazione, di formazione, di aggiornamento e di qualificazione tecnica - Situazione reddituale o economica anche ai fini della concessione dei benefici di qualsiasi tipo previsti da leggi speciali - Assolvimento di specifici obblighi contributivi con l’indicazione dell’ammontare corrisposto - Possesso e numero del codice fiscal, della partita IVA e di qualsiasi dato presente nell’archivio dell’anagrafe tributaria - Stato di disoccupazione - Qualità di pensionato e categoria di pensione - Qualità di studente - Qualità di legale rappresentante di persone fisiche o giuridiche, di tutore, di curatore e simili - Iscrizione presso associazioni o formazioni sociali di qualsiasi tipo - Tutte le situazioni relative all’adempimento degli obblighi militari, ivi comprese quelle attestate nel foglio matricolare dello stato di servizio - Di non aver riportato condanne penali e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa - Di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali - Qualità di vivenza a carico - Tutti i dati a diretta conoscenza dell’interessato contenuti nei registri dello stato civile - Di non trovarsi in stato di liquidazione o di fallimento e di non aver presentato domanda di concordato.

Cos'è la Dichiarazione Sostitutiva dell'Atto di Notorietà?

La dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà permette di dichiarare stati, fatti o qualità personali che non sono semplicemente autocertificabili, in quanto non rientrano nell’elenco previsto dall’art.  46 del Testo Unico per la documentazione amministrativa.

Le dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà che il dichiarante rende nel proprio interesse possono riguardare anche stati, fatti o qualità personali  relativi ad altri soggetti di cui egli abbia diretta conoscenza.

Tali dichiarazioni, quando sono dirette ad una pubblica amministrazione, non necessitano più dell’autenticazione della firma. E’ sufficiente infatti:

  • Firmare la dichiarazione davanti al funzionario addetto a ricevere la documentazione

oppure:

  • Firmare la dichiarazione e presentarla (anche via fax o per via telematica) insieme alla fotocopia di un documento di riconoscimento in corso di validità

Non rientrano tra le possibilità di dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà:

  • Le dichiarazioni di impegno

  • Le dichiarazioni a contenuto negoziale

  • Le accettazioni di incarichi e le rinunce agli stessi

Quali sono i Certificati NON Sostituibili?

Non si possono sostituire né con autocertificazioni, né con dichiarazioni sostitutive di atto di notorietà i seguenti documenti:

certificati medici, sanitari, veterinari, di origine, di conformità CE, di marchi o di brevetti.

Quali sono i vantaggi per i cittadini?

vantaggi per i cittadini che si avvalgono delle dichiarazioni sostitutive (autocertificazione e dichiarazione sostitutiva dell’atto di notorietà) sono molteplici: meno code agli sportelli, procedure più semplici e veloci, risparmio di denaro.

Resta fermo che le dichiarazioni sostitutive vengono rese sotto la personale responsabilità dell’interessato; chiunque rilascia dichiarazioni mendaci, forma atti falsi o ne fa uso è punito ai sensi del codice penale e delle leggi speciali in materia.

Il dichiarante, inoltre, decade dai benefici eventualmente conseguenti a provvedimenti emanati sulla base della dichiarazione non veritiera.

Allo scopo, le pubbliche amministrazioni sono tenute a procedere a controlli, anche con verifiche a campione e in tutti i casi in cui sorgono fondati dubbi sulla veridicità delle dichiarazioni sostitutive.

Informazioni

Ufficio Relazioni con il Pubblico: tel. 0437 98 67 24

Ufficio Demografico: tel. 0437 98 67 20