Sei qui: Home Urbanistica Certificato di destinazione urbanistica
Comune di Ponte nelle Alpi - (Provincia di Belluno)

Certificato di destinazione urbanistica

PDF Stampa E-mail

Certificato di destinazione urbanistica

Che cos’è

Il certificato di destinazione urbanistica contiene le prescrizioni urbanistiche riguardanti l'area interessata. Ai sensi dell’art. 30 – comma 2 - del D.P.R. n. 380/2001 esso deve essere allegato agli atti tra vivi, sia in forma pubblica sia in forma privata, aventi ad oggetto trasferimento o costituzione o scioglimento della comunione di diritti reali relativi a terreni che, altrimenti, sono nulli e non possono essere stipulati nè trascritti nei pubblici registri immobiliari.

Il certificato non è necessario quando i terreni costituiscano pertinenze di edifici censiti nel nuovo catasto edilizio urbano, purché la superficie complessiva dell'area di pertinenza medesima sia inferiore a 5.000 metri quadrati.

Non vengono rilasciati certificati di destinazione urbanistica per subalterni di immobili censiti al Catasto urbano. In tal caso la richiesta va effettuata per l’intera particella iscritta al N.C.T. e la sua superficie è desumibile dalla visura al Catasto Terreni.

Il certificato può essere chiesto in formato cartaceo o digitale (in versione pdf firmato digitalmente in formato PAdES).

Dove rivolgersi Addetti
Settore Urbanistica, Lavori Pubblici e Manutenzioni
Servizio Urbanistica

Sede Municipale Fraz. Cadola, 52/A
Tel. 0437-986735 - 740 - Fax 0437-999544
e-mail:
Responsabile del Servizio Urbanistica e Responsabile del procedimento
per. ind. Sergio Deon

Orario d'apertura al pubblico

Lunedì

9.00-12.00

Giovedì

9.00-12.00

Martedì

9.00-12.00

Venerdì

9.00-12.00

Mercoledì

9.00-12.00

Sabato

Chiuso


Requisiti del richiedente

Può presentare la richiesta chiunque sia interessato.


Modalità di presentazione

La domanda per ottenere il certificato ai sensi dell’art. 30 – comma 2 - del D.P.R. n. 380/2001 va presentata in carta resa legale (bollata) su modello predisposto dal Servizio Urbanistica. Essa può essere consegnata a mano all’Ufficio Protocollo o essere spedita per posta.

L’istanza può essere recapitata anche a mezzo Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) . In questo caso però, se l’istanza va in bollo, il richiedente deve dimostrare l’assolvimento dell’imposta (attualmente € 16,00) riguardante la domanda in uno dei seguenti modi:

  • se il richiedente è in possesso dell’Autorizzazione dall’Agenzia delle Entrate, l’imposta di bollo può essere assolta in modo virtuale, indicando sugli atti e documenti il modo di pagamento e gli estremi della citata Autorizzazione, ai sensi dell’art. 35 del DPR 642/1972;
  • in alternativa, deve essere resa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà (può essere usato il modello predisposto dal Servizio Urbanistica) in cui il richiedente attesta, sotto la propria personale responsabilità ai sensi del D.P.R. 445/2000, di aver assolto al pagamento dell’imposta in questione indicando tutti i dati relativi all’identificativo della marca. Tale dichiarazione deve essere corredata da copia informatica del documento di identità del dichiarante e da copia informatica per immagine delle marche da bollo annullate. Inoltre, la domanda in originale, recante la marca da bollo annullata, deve essere conservata agli atti del richiedente per eventuali controlli da parte dell’Amministrazione.

All’atto del ritiro del certificato in formato cartaceo il richiedente dovrà consegnare la/le marca/che da bollo da applicare sul documento in corso di rilascio (n. 1 ogni quattro formati A/4 con arrotondamento all’eccesso).

Nel caso venga richiesto il certificato in formato digitale (in versione pdf firmato digitalmente in formato PAdES) per la bollatura del medesimo si procede come per l’istanza compilando l’apposita sezione della dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà predisposta dal Servizio Urbanistica e allegando la copia informatica per immagine delle marche da bollo annullate.

Se il certificato è necessario per una denuncia di successione la domanda va presentata in carta libera, ai sensi dell’art. 5 della Tabella All. “B” al D.P.R. 26.10.1972 n. 642, sempre sul medesimo modello predisposto dal Servizio Urbanistica compilando le parti interessate.

Per altri casi di esenzione da bollo o da diritti di segretaria, come previsto dalla normativa, deve essere indicato sull’istanza il motivo di esenzione ed i riferimenti normativi che lo consentono.


Documentazione da presentare

Alla richiesta va allegata:

  • planimetria catastale del N.C.T. individuante con apposita campitura le particelle catastali oggetto di richiesta;
  • visura/e catastale/i contenente/i i dati delle singole particelle;
  • attestazione comprovante l’avvenuto versamento dell’importo per diritti di segreteria eseguito presso la Tesoreria Comunale – Banca Intesa San Paolo filiale di Ponte nelle Alpi – IBAN IT34 Z030 6961 2441 0000 0046001 oppure sul c/c postale n. 11874328 intestato a Comune di Ponte nelle Alpi – Servizio Tesoreria. Come stabilito con Delibera di Giunta Comunale n. 49 del 21.03.2007 il diritto va versato contestualmente alla presentazione della richiesta;
  • documentazione attestante l’assolvimento dell’imposta di bollo.

Nel caso si desideri ricevere il certificato in formato cartaceo al proprio domicilio è sufficiente allegare all’istanza la/le marca/che da bollo da applicare sul certificato e una busta pre-affrancata ed indirizzata con la quale il documento sarà recapitato nel luogo desiderato.


Iter della pratica

Il certificato di destinazione urbanistica deve essere rilasciato dal Responsabile del Servizio Urbanistica entro il termine perentorio di trenta giorni dalla presentazione della relativa domanda. Esso conserva validità per un anno dalla data di rilascio se, per dichiarazione dell'alienante o di uno dei condividenti, non siano intervenute modificazioni degli strumenti urbanistici.


Spese a carico del cittadino

Diritti di segreteria: fino a n. 5 particelle € 25,00 e oltre € 2,00 cadauna;

N. 1 marca da bollo del valore corrente all’atto della richiesta da applicare tassativamente all’istanza e una o più ( n.1 ogni quattro formati A/4 con arrotondamento all’eccesso) da apporre sul certificato al momento del suo ritiro).


Tempi

Il certificato viene rilasciato, indicativamente, entro 30 (trenta) giorni. Date le incombenze a carico del Responsabile del Servizio Urbanistica, che è anche il Responsabile del Settore Urbanistica, Lavori Pubblici e Manutenzioni e può essere impegnato a garantire l’adempimento di altri atti improcrastinabili,- in qualche particolare periodo i certificati di destinazione urbanistica potrebbero non essere emessi. In caso di mancato rilascio del suddetto certificato nel termine previsto, esso può essere sostituito da una dichiarazione dell'alienante o di uno dei condividenti attestante l'avvenuta presentazione della domanda, nonché la destinazione urbanistica dei terreni secondo gli strumenti urbanistici vigenti o adottati, ovvero l'inesistenza di questi ovvero la prescrizione, da parte dello strumento urbanistico generale approvato, di strumenti attuativi. A tal fine potrà essere richiesta copia della domanda con il timbro di ricevimento al momento della sua consegna all’Ufficio Protocollo ed eventualmente anche in tempo successivo chiedendola al Servizio Urbanistica.


Normativa di riferimento

D.P.R. 380 del 2001 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia".


Note

Per questioni organizzative il Servizio Urbanistica non riceve direttamente le domande che dovranno essere consegnate all’Ufficio Protocollo.

Il certificato rilasciato in esenzione da bollo per uso successione può essere usato solo se allegato alla relativa denuncia.


Schede collegate

Nessuna


Documenti Collegati

Richiesta del Certificato di Destinazione Urbanistica


data ultimo aggiornamento 3 gennaio 2019