Sei qui: Home Urbanistica Varianti Verdi - L.R. n. 4/2015
Comune di Ponte nelle Alpi - (Provincia di Belluno)

Varianti Verdi - L.R. n. 4/2015

PDF Stampa E-mail

Varianti Verdi - L.R. n. 4/2015

 

Con l'approvazione della Legge Regionale 16 marzo 2015 n. 4 è possibile, per gli aventi titolo, richiedere la riclassificazione delle aree edificabili ai sensi di quanto previsto dall’art. 7, affinché siano private della potenzialità edificatoria loro riconosciuta dallo strumento urbanistico vigente.

La richiesta, sottoscritta da parte dei proprietari e/o tutti i comproprietari e/o aventi titolo dovrà essere presentata entro 60 giorni dalla data di pubblicazione dell'Avviso all'Albo Pretorio, utilizzando il modulo di richiesta variante verde predisposto dal Comune, disponibile anche al Servizio Urbanistica comunale e inviata in uno dei modi indicati nell’Avviso medesimo.

Il termine per la presentazione delle richieste è da considerarsi perentorio; oltre tale termine potranno essere presentate eventuali richieste successivamente a nuovo avviso, da pubblicarsi entro il 31 gennaio di ogni anno, secondo quanto previsto dalla L.R. n. 4/2015.

L’Amministrazione comunale ha dato indirizzo affinché siano accolte le istanze che, oltre ad essere coerenti con le finalità di contenimento del consumo di suolo e compatibili con le scelte urbanistiche del P.R.G. vigente, abbiano le seguenti peculiarità:

  • aree parzialmente sfruttabili per effetto di preesistenze (ad esempio: edifici vicini che ne impediscono l'edificabilità);
  • aree di dimensione limitate che, anche se unite ad aree adiacenti della stessa proprietà classificate con la medesima Zona Territoriale Omogenea, non consentono di costruire un edificio funzionale a termini di Regolamento Edilizio;
  • aree aventi forma particolare che ne rende impossibile la singola edificazione;
  • aree ricadenti nelle fasce di rispetto stradale, fluviale, cimiteriale e ferroviario;
  • aree interessate da vincoli di inedificabilità introdotti;

L'Amministrazione valuterà le istanze pervenute riservandosi la facoltà di procedere ad una eventuale modificazione della strumentazione urbanistica.

Le istanze dovranno essere redatte secondo il modello appositamente predisposto disponibile sul sito del Comune di Ponte nelle Alpi a questo indirizzo web, complete in ogni loro parte nonché degli allegati ivi indicati e presentate al Comune di Ponte nelle Alpi mediante una delle seguenti modalità:

  • consegna diretta all'Ufficio protocollo del Comune;
  • trasmissione mediante raccomandata con avviso di ricevimento indirizzata al Comune di Ponte nelle Alpi (in tal caso farà fede il timbro dell’ufficio postale accettante);
  • invio mediante posta elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo:.

Nel caso di istanza recapitata a mezzo Posta Elettronica Certificata (P.E.C.) il richiedente deve dimostrare l’assolvimento dell’imposta di bollo (attualmente € 16,00) in uno dei seguenti modi:

  • se il richiedente è in possesso dell’Autorizzazione dall’Agenzia delle Entrate, l’imposta di bollo può essere assolta in modo virtuale, indicando sugli atti e documenti il modo di pagamento e gli estremi della citata Autorizzazione, ai sensi dell’art. 35 del DPR 642/1972;
  • in alternativa, deve essere resa dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà in cui il richiedente attesta, sotto la propria personale responsabilità ai sensi del D.P.R. 445/2000, di aver assolto al pagamento dell’imposta in questione indicando tutti i dati relativi all’identificativo della marca. Tale dichiarazione deve essere corredata da copia del documento di identità del dichiarante. Inoltre, la domanda in originale, recante la marca da bollo annullata, deve essere conservata agli atti del richiedente per eventuali controlli da parte dell’Amministrazione.

 

Documentazione da presentare

Alla richiesta va allegato quanto segue:

  • Estratto di mappa catastale aggiornato con evidenziata l’area oggetto dell’istanza.
  • Visura catastale riportante l’elenco dei proprietari.
  • Copia del documento di identità di tutti i richiedenti.
  • Eventuale atto notarile attestante il titolo legittimante a presentare l’istanza.
  • Eventuale documentazione attestante la presenza delle caratteristiche necessarie per l’accoglimento dell’istanza.

Spese a carico del cittadino

N. 1 marche da bollo del valore corrente all’atto della richiesta.

 

Normativa di riferimento

Legge regionale 16 marzo 2015, n. 4 (BUR n. 27/2015) “MODIFICHE DI LEGGI REGIONALI E DISPOSIZIONI IN MATERIA DI GOVERNO DEL TERRITORIO E DI AREE NATURALI PROTETTE REGIONALI”.

 

Schede collegate
Nessuna

 

Documenti Collegati